Ammissione Scienze Mediche

Tutte le domande sul consorso del 2017

Moderatore: Dissennatori

roadtonobel
Studente escellente
Studente escellente
Messaggi: 3
Iscritto il: 2 settembre 2017, 10:51

Ammissione Scienze Mediche

Messaggio da roadtonobel » 2 settembre 2017, 18:07

Nella stesura della prima prova quanto bisogna approfondire? Ad esempio, se volessi usare la PCR dovrei spiegare tutto il procedimento (quindi tutte le fasi: portiamo la temperatura a 94 gradi,ecc..) o lo devo dare per scontato?
Inoltre l'introduzione, se la devo mettere, quanto deve essere lunga all'incirca? Va bene anche molto spartana? Cioè devo fare quasi "filosofia" citando vari scienziati o vado ad esporre semplicemente il problema quasi riportando la consegna?

Inoltre per la seconda prova (in particolare chimica) avete qualche argomento o "qualcosa" da approfondire/vedere che potete consigliare? Perchè molti anni i testi sono piuttosto particolari, vanno ben al di là della semplice comprensione della chimica inorganica e delle basi di organica e biochimica, e, per risolverli in maniera ottimale, richiedono conoscenze anche troppo specifiche per essere "studiate"... Si vedano ad esempio i testi di due e quattro anni fa:
-testo 2015- Sia la civiltà industriale che gli organismi animali traggono la maggior parte dell’energia di cui hanno bisogno dall’ossidazione di molecole organiche. Discutete le analogie e le differenze fra i relativi processi chimici.
Grazie per l'attenzione

Davte
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 123
Iscritto il: 1 agosto 2013, 13:31
Località: 13

Re: Ammissione Scienze Mediche

Messaggio da Davte » 2 settembre 2017, 18:46

Ciao,
i temi che hanno vinto negli anni sono tutti profondamente diversi tra loro, per cui non c'è una regola da seguire, scrivi tutto quello di pertinente e intelligente ti viene in mente sull'argomento.
Mostrare di conoscere una tecnica nei dettagli e non solo di nome è buono, ma magari invece di esporla passo passo come su un manuale (cosa che potrebbe diventare pesante) può essere più interessante far capire con un accenno che la si conosce, facendo riferimento per esempio a un suo limite o al suo campo di applicazione. Esempio: "per capire il funzionamento di una proteina può essere importante capirne la struttura, per cui sarebbe interessante clonarne il gene in coltura, magari di lievito e non di E. coli in quanto per la struttura della proteina sono importanti anche modificazioni post-traduzionali che i batteri non sono in grado di apportare ai peptidi sintetizzati" è più efficace di una descrizione di come si clona il gene nel lievito. Questo è solo un esempio ma spero di aver reso l'idea, che comunque è solo una mia opinione.
La lunghezza del tema non è in alcun modo specificata, ti consiglio di non trattenere nulla per timore di aver scritto poco, e viceversa se ti sembra di aver detto tutto non ti consiglio assolutamente di allungare il brodo se non hai qualcosa da dire.
Il tema di chimica è sempre stato molto fantasioso, la preparazione che occorre è quella che citavi (chimica inorganica e organica [non organica industriale ma organica della vita], nozioni di biochimica), gioca un ruolo importante la creatività.
In bocca al lupo,
Davide
Davide

Bloccato