concorso per il III anno medicina

Domande & risposte sulla Scuola

Moderatore: Dissennatori

Gilda

concorso per il III anno medicina

Messaggio da Gilda » 2 marzo 2012, 18:53

Salve a tutti,quest'anno accademico avrei intenzione di provare il test di ammissione al terzo anno di medicina. Attualmente sono iscritta all'università cattolica del sacro cuore-roma.
Ho letto i pochi esempi disponibili di temi per il III e li ho trovati piuttosto impegnativi,sopratutto volendo dare una risposta soddisfacente e non superficiale (alle volte per la verità alcune domande sono difficilmente comprensibili ed è facile andare fuori traccia).
Quello che mi preme sapere è il rapporto studenti che provano/posti disponibili e se davvero basti la normale preparazione d'esame per rispondere alle domande del test o se bisogna fare degli apporfondimenti personali e se si,che testi conviene consultare.
Faccio un esempio: per rispondere in modo soddisfacente ad una mamanda di biochimica,a mio parere,non basta aver studiato da un libro comune come "principi di biochimica di lehninger"; e così per anatomia. Per la domanda di scienze della vita non ho ben chiaro il campo su cui essa può vertere: si tratta di bioetica?
Grazie in anticipo.

harry P
Studente escellente
Studente escellente
Messaggi: 26
Iscritto il: 12 aprile 2011, 18:36

Re: concorso per il III anno medicina

Messaggio da harry P » 8 marzo 2012, 23:41

Ciao!
Scusa il ritardo, ma l'ammissione al III anno non è argomento molto frequente, non c'erano ammessi al III anno da sette anni.
Io non so risponderti adeguatamente, essendo stato ammesso al II anno. Ad ogni modo, il concorso per il II anno è molto più simile al concorso del III di quanto lo sia il concorso per il I, quindi, meglio che niente.
Presto o tardi, una persona più competente di me ti risponderà.
Quanto al rapporto candidati/ammessi, è abbastanza basso...un ammesso dopo sette anni, calcolando 5 candidati allo scritto per anno (ipotesi che potrebbe essere molto sbagliata: quel che è certo, è che quest'anno c'erano 2 candidati ammessi all'orale)...fai tu. Certo, l'ammissione al III anno non è una passeggiata: già si sclera per dare gli esami di Biochimica, Fisiologia e Anatomia singolarmente, figuriamoci tutti assieme!
Quanto ai testi da usare, i testi di riferimento nazionali/internazionali, più gli appunti dei corsi seguiti, dovrebbero fare al caso. La Commissione sa che non tutte le Facoltà d'Italia approfondiscono gli stessi aspetti: per questo i temi che secondo me sono i migliori sono quelli in cui la domanda è relativamente generale, e il candidato ha l'opportunità di far vedere come ragiona sull'argomento. Quindi, se il tuo prof di Fisiologia consiglia uno sconosciuto libro scritto solo da lui stesso, magari procurati il Guyton o il Conti.
Il Lehninger dovrebbe fare al caso; se riesci a procurarti anche Mathews e Voet, hai tutti i testi che a Pisa vanno per la maggiore.
Quanto a Scienze della Vita, sono d'accordo con te: è un modo più bello per dire "bioetica". Io, personalmente, mi sono tenuto aggiornato leggendo gli articoli di salute dei principali quotidiani nazionali, giusto per farmi un'idea, ma è tutt'altro che indispensabile.
Spero di essere stato di aiuto, hp

Gilda
Studente escellente
Studente escellente
Messaggi: 2
Iscritto il: 2 marzo 2012, 20:09

Re: concorso per il III anno medicina

Messaggio da Gilda » 9 marzo 2012, 1:33

Ok,quindi ricapitolando,per avere una preparazione apportuna consultare i testi più famosi in circolazione.
Per il III anno si deve scegliere un tema a piacere tra fisiologia,biochimica e anatomia; fisso invece il tema di scienze della vita. Ho capito bene?
Per bioetica tu mi consigli di leggere articoli dell'area salute pubblica da riviste giornalistiche non specializzate,ossia i quotidiani,o qualcosa di più specialistico? E se si,quali riviste in particolare?

Pandabike
Studente escellente
Studente escellente
Messaggi: 3
Iscritto il: 3 marzo 2012, 19:50

Re: concorso per il III anno medicina

Messaggio da Pandabike » 11 marzo 2012, 14:52

Ciao, io sono entrata al III anno quest'anno, quindi non è impossibile :-)
Per il III anno si deve scegliere un tema a piacere tra fisiologia,biochimica e anatomia; fisso invece il tema di scienze della vita. Ho capito bene?
Esatto, ma non dimenticare che all'orale il candidato viene interrogato su tutte e tre le materie (oltre ad un colloquio psico-attitudinale).
Ho letto i pochi esempi disponibili di temi per il III e li ho trovati piuttosto impegnativi,sopratutto volendo dare una risposta soddisfacente e non superficiale (alle volte per la verità alcune domande sono difficilmente comprensibili ed è facile andare fuori traccia).
E' chiaro che con la seconda prova scritta non ci si può arrampicare sugli specchi: i temi del III anno sono forse un po' più specifici di quelli degli altri anni e sicuramente la preparazione è più difficile perché sono tre esami impegnativi.
Se posso darti un consiglio, direi di non rovinarti l'estate ripassando in maniera forsennata tutta l'anatomia, la fisiologia e la biochimica. Piuttosto prepara bene gli esami adesso che li stai studiando: approfondisci gli argomenti che più ti interessano, non studiare solo per l'esame ma per costruirti una preparazione di base il più possibile solida ed ampia.
Se vuoi, puoi usare anche i programmi degli esami di Pisa, sono molto chiari e completi (li trovi sul sito della facoltà di medicina dell'unipi, nella guida dello studente). Comunque quando fai domanda per il concorso ti vengono richiesti i programmi di fisiologia dell'ateneo di provenienza, quindi se vieni ammessa all'orale i professori sanno se non hai fatto qualcosa.
Durante il ripasso per il concorso io mi focalizzai poi sulle cose più importanti, pensando che se non fossi entrata (cosa abbastanza probabile, viste le statistiche che ha riportato harry P) sarebbe stato comunque utile riguardare le nozioni fondamentali in vista di esami successivi.
Riguardo al rischio di andare fuori traccia, devo dire che non mi sembra ci sia perché le tracce sono poco puntuali, anzi secondo me sono quasi tutte ricche di spunti (che è diverso da poco comprensibili :smile: ) e in generale molto belle. Semmai, si rischia di andare fuori traccia se non ci si ricorda qualcosa di preciso e allora è meglio sorvolare e riorganizzare il discorso perché scripta manent.

Faccio un esempio: per rispondere in modo soddisfacente ad una mamanda di biochimica,a mio parere,non basta aver studiato da un libro comune come "principi di biochimica di lehninger"; e così per anatomia.
Il Lehninger va benissimo, anatomia io l'ho fatta sull'Anastasi, fisiologia su Conti e Guyton. Direi che se hai dei bravi professori che svolgono bene tutto il programma sei a posto, altrimenti questi libri sono più che sufficienti. Se vuoi approfondire consulta pure altri testi e magari tieniti aggiornata con la letteratura scientifica sugli argomenti che ti interessano di più, ma questo è un suggerimento che non serve direttamente per il concorso, quanto piuttosto per la tua formazione di studente di medicina.
Per quanto riguarda il tema di Scienze della vita, può essere un generico argomento di attualità in medicina, o anche un argomento di bioetica in particolare. Non ti ci puoi preparare in modo specifico, dovresti solo cercare di dire cose sensate e non banali. Se ti tieni un minimo aggiornata sugli argomenti più discussi ed attuali della medicina, non ti dovrebbe dare problemi. Ad ogni modo io trovai utili le mie (scarse) conoscenze di promozione della salute e storia della medicina.


Spero di essere stata d'aiuto e scusami per il ritardo nella risposta (harry P, grazie per il tuo tempestivo intervento :smile: ).

Gilda
Studente escellente
Studente escellente
Messaggi: 2
Iscritto il: 2 marzo 2012, 20:09

Re: concorso per il III anno medicina

Messaggio da Gilda » 11 marzo 2012, 19:17

Grazie mille, si sei stata molto esaustiva!
Più che altro mi rassicura il fatto di non dover fare tutti gli approfondimenti che pensavo,dato che mi hai detto che i libri più quotati (sono gli stessi che usiamo qui) bastano,a patto di studiarli a fondo...Dopotutto è irreale pensare di rivedere bene tutto in estate,quindi sicuramente cercherò di preparare al meglio gli esami richiesti nelle tracce nel corso dell'anno.

Esauriti i quesiti tecnici,vorrei porre un ultima domanda del tutto diversa: come vi siete trovati a Pisa? E' valsa la pena "abbandonare"amici e affetti conosciuti nella precedente università? Notate un effettiva differenza,cioè una maggiore qualità dell'offerta formativa?

Grazie :)

Pandabike
Studente escellente
Studente escellente
Messaggi: 3
Iscritto il: 3 marzo 2012, 19:50

Re: concorso per il III anno medicina

Messaggio da Pandabike » 17 marzo 2012, 21:51

Allontanarsi dagli amici dell'università può essere difficile, soprattutto all'inizio, in due anni si condividono tantissime esperienze ...ma i legami più forti sopravvivono bene alle distanze :-)
Direi che vale la pena di provare il concorso soprattutto per l'esperienza della Scuola, più che per la facoltà di medicina dell'UniPi, che pure mi risulta essere una delle migliori a livello nazionale. Comunque per quanto riguarda l'UniPi io mi sto trovando molto bene: la facoltà è organizzata bene, anche se c'è qualche aspetto che si potrebbe migliorare e chiaramente tra i docenti ce ne possono essere di bravi e meno bravi, come (più o meno) in tutte le sedi italiane.
Personalmente, credo che la differenza di cui parli stia tutta nella Scuola ed in particolare nella vita collegiale. Ti viene richiesto di studiare ciò che più ti piace e hai disposizione tutte le risorse per farlo al meglio, in primis la vicinanza con gli altri Allievi.

Se hai altre domande chiedi pure :-)

Bloccato