Ammissione medicina secondo anno

Domande & risposte sulla Scuola, poste fino al 4 ottobre 2011

Moderatore: Dissennatori

harry P
Studente escellente
Studente escellente
Messaggi: 26
Iscritto il: 12 aprile 2011, 18:36

Ammissione medicina secondo anno

Messaggio da harry P » 3 maggio 2011, 20:55

Ciao ragazzi,
sono una matricola di Medicina e Chirurgia dell'UniMiB e sarei interessato a provare l'ammissione al secondo anno al Sant'Anna. Come voi consigliate, ho letto i post precedenti al riguardo, e, sulla base della situazione in cui mi trovo, ho qualche domanda da farvi.
Se ho ben capito, la possibilità di entrare al secondo anno non è troppo remota (voglio dire, ogni anno un paio di persone ce la fa, non è qualcosa che capita ogni morte di papa); potreste riuscire a mettermi in contatto con qualcuno di voi che l'ha effettivamente fatto? Ciò mi sarebbe utile 1. per capire come è meglio preparare l'esame di ammissione 2. cosa aspettarmi dalle intricatissime procedure di trasferimento, con relative convalide di esami sostenuti o meno. Nel caso ci siano problemi con la convalida, ho spesso visto che parlate di “integrazioni” agli esami sostenuti altrove (per es., come spiego dopo, Istologia e Embriologia da me sono 7 cfu compresa anche Anatomia Microscopica, penso che il programma sia molto meno vasto di quello di Pisa); cosa vuol dire questo? Rifare un compitino o un colloquio riguardo al quel pezzo di programma mancante, non c'è rischio di ridare proprio l'esame completo vero?
Potrebbe sembrare irrilevante, ma il mio programma di studi è parecchio diverso da quello di Pisa, non vorrei mai che questo potesse inficiare l'ammissione alla scuola, dato che “i vincitori sono ammessi alla Scuola salvo il buon esito delle pratiche di trasferimento”. Le differenze principali sono:
Fisica e statistica, che a Pisa costituiscono da sole un esame da 9 cfu, da me sono spacchettate; una prima parte (4 cfu), al primo anno, assieme a Chimica e propedeutica biochimica nell'esame di “Scienze Propedeutiche”, un'altra (3 cfu Biofisica, 4 cfu Statistica Medica) più avanti nel corso di studi; immagino quindi che quantomeno dovrei fare un' ”integrazione” all'esame che ho già svolto, se non rifare tutta la parte di Fisica e Statistica.
Istologia e Embriologia non costituisce corso a sé, ma è accorpata ad Anatomia nell'esame di “Anatomia e Istologia Umana” (20 cfu = 13 Anatomia + 7 Istologia e Embriologia). Questo ha due conseguenze: tutta la parte teorica di Istologia e Embriologia è stata ridotta all'osso e esaurita nel primo semestre in tipo 25 ore di lezione, mentre adesso nel secondo semestre sto svolgendo bene la parte di Anatomia microscopica (che voi fate assieme a Anatomia o assieme a Istologia?) ...Immagino che questo non sia molto vantaggioso per l'esame, perché probabilmente mi è stata fornita una conoscenza di Istologia e Embriologia molto più sommaria dello studente medio pisano (meglio quindi puntare, all'esame, su Chimica e Biologia?). Nell'insperata ipotesi di entrare, il fatto di aver già convalidato tutta Anatomia a fine primo anno, con un numero totale di crediti inferiore a quello di Pisa (se non sbaglio, 18 cfu Anatomia 1+2, 9 cfu Istologia e Embriologia, totale 27 cfu contro i miei 20), sarebbe un problema per la convalida, anche se in questo caso io avrò in realtà già sostenuto l'esame su un programma più o meno equivalente a quello di Pisa?
Quello che per voi è l'esame di “Scienze Umane” è rimandato al secondo anno (possibile svantaggio per la prova di Scienze della Vita?), quindi nell'ipotesi di entrare mi troverei in una situazione alquanto strana; primo semestre a seguire solo Biochimica (sperando che Anatomia me la convalidino senza problemi), eventualmente ri-seguire Fisica e Statistica, mentre nel secondo semestre seguire tutti i corsi del secondo anno più “Scienze Umane”...come si fa con la frequenza obbligatoria???
L'idea di base del corso di laurea da noi è fare quanto più possibile tirocinio, tagliando per questo cfu a molti corsi; si entra in reparto al terzo anno; so che in molte università si inizia più tardi, è così anche a Pisa?
Vi ringrazio molto, la possibilità di contattarvi tramite questo forum è un servizio di grande valore.
Paolo

Avatar utente
Mimmo
Studente svogliato
Studente svogliato
Messaggi: 62
Iscritto il: 25 aprile 2007, 23:31
Località: #50
Contatta:

Re: Ammissione medicina secondo anno

Messaggio da Mimmo » 4 maggio 2011, 14:56

Se ho ben capito, la possibilità di entrare al secondo anno non è troppo remota (voglio dire, ogni anno un paio di persone ce la fa, non è qualcosa che capita ogni morte di papa);
Esatto. Ogni anno due-tre persone sono ammesse al secondo anno.
potreste riuscire a mettermi in contatto con qualcuno di voi che l'ha effettivamente fatto? Ciò mi sarebbe utile 1. per capire come è meglio preparare l'esame di ammissione 2. cosa aspettarmi dalle intricatissime procedure di trasferimento, con relative convalide di esami sostenuti o meno.
Provo a metterti in contatto con qualcuno per quanto riguarda la preparazione ma non aspettarti risposte troppo precise riguardo alle pratiche per il trasferimento. Purtroppo ogni università ha un corso di laurea strutturato diversamente e allo stesso modo ogni professore ha una diversa concezione di "integrazione" (per alcuni basta una interrogazione informale sulla parte del programma non svolta, per altri è necessaria la ripetizione dell'intero esame!). Ogni Allievo entrato al secondo anno ha quindi una storia diversa da raccontare e non generalizzabile. L'unico modo per avere risposte precise è tentare il concorso, superarlo, aspettare che le segreterie dell'università di provenienza e di Pisa si mettano d'accordo, andare a parlare con i singoli professori. Purtroppo non è la Scuola Sant'Anna che impone queste noiose procedure ma le università stesse che le chiedono per ogni trasferimento. In ogni caso non preoccuparti riguardo al "buon esito delle pratiche di trasferimento" perchè queste si risolvono sempre, seppur nei tempi biblici imposti dalle segreterie.
Quello che per voi è l'esame di “Scienze Umane” è rimandato al secondo anno (possibile svantaggio per la prova di Scienze della Vita?)
Tranquillo. Non è esattamente uno degli esami più formativi del corso di laurea e non credo possa essere un reale vantaggio averlo superato.
come si fa con la frequenza obbligatoria???
La frequenza, formalmente obligatoria, diventa di fatto opzionale nel caso in cui i singoli professori si dimentichino di raccogliere le firme a lezione. Intelligenti pauca.
L'idea di base del corso di laurea da noi è fare quanto più possibile tirocinio, tagliando per questo cfu a molti corsi; si entra in reparto al terzo anno; so che in molte università si inizia più tardi, è così anche a Pisa?
Anche a Pisa i tirocini iniziano dal terzo anno.
Non est vivere, sed valere vita est

harry P
Studente escellente
Studente escellente
Messaggi: 26
Iscritto il: 12 aprile 2011, 18:36

Re: Ammissione medicina secondo anno

Messaggio da harry P » 4 maggio 2011, 22:57

grazie mille mimmo!!!
velocissimo, e molto gentile da parte tua...
Beh allora a questo punto comincerò a darci dentro con lo studio per i miei esami e per il concorso di settembre che seguirà, piuttosto che preoccuparmi troppo di quello che potrebbe succedere dopo (tanto, se ho ben capito, una volta dentro, bene o male hai le spalle in qualche modo coperte). Se potessi parlare con qualcuno che ce l'ha fatto effettivamente, potrei avere pure una storia con cui confrontarmi (oltre che dal punto di vista accademico, pure da quello umano ...del tipo: "vale la pena di farsi tutta la trafila del trasferimento, perdere le amicizie del primo anno" e così via) e sarebbe veramente il top.
Per il momento, ancora grazie.
Paolo

harry P
Studente escellente
Studente escellente
Messaggi: 26
Iscritto il: 12 aprile 2011, 18:36

Re: Ammissione medicina secondo anno

Messaggio da harry P » 24 luglio 2011, 17:17

Ragazzi scusate, nei temi per l'amissione al secondo anno ho trovato questo:
"Le principali aneuploidie e terocromosomie nell'uomo".
Non avevo mai sentito il termine "terocromosomie", ho provato a googlarlo (nonché a chiederlo alla mia docente, che si è dichiarata deplorevolmente ignorante al riguardo), ma non mi dà alcun risultato che non sia correlato al testo d'esame del Sant'Anna da cui l'ho ricavatoPotreste aiutarmi?
Grazie mille,
Paolo

Avatar utente
Mimmo
Studente svogliato
Studente svogliato
Messaggi: 62
Iscritto il: 25 aprile 2007, 23:31
Località: #50
Contatta:

Re: Ammissione medicina secondo anno

Messaggio da Mimmo » 24 luglio 2011, 17:37

Con molta fantasia, può darsi che la traccia si riferisse alle eterocromosomie, termine che (lavorando sempre di fantasia) potrebbe indicare le alterazioni degli eterocromosomi (X fragile, Sindrome di Swyer ecc...).
Non est vivere, sed valere vita est

harry P
Studente escellente
Studente escellente
Messaggi: 26
Iscritto il: 12 aprile 2011, 18:36

Re: Ammissione medicina secondo anno

Messaggio da harry P » 27 luglio 2011, 18:13

grazie mille!

Bloccato